Trail Santa Croce 20Km

Percorso

Distanza 20km - Dislivello +1200 m

La partenza è dalla piazza di S. Michele ( Pieve Ligure alta) 165 m, da cui lungo asfaltata, in ripida salita si raggiunge una deviazione a quota 219 m. per prendere a dx. un evidente bivio lungo cementata in discesa ( vicinale Maggiolo di sotto).
Questa continua orizzontale lungo una splendida panoramica, per giungere nel bosco in loc. Rue ( Roveri); si risale una vecchia traccia riaperta per il trail che ci riporta in salita presso un vecchio pino domestico ( 277 m ), all'altezza della mulattiera comunale per Teriasca.

Dopo poco, si risale a sn. in bosco di carpini per andare a prendere a sn. una bella mulattiera tra la macchia che ci riporta lungo l'antica comunale per S. Croce ( 300 m).
Si risale per ampia mulattiera racchiusa tra muri giungendo in un bel punto panoramico presso un trivio in loc. Costa (rubinetto) 330 m. dove passano anche le manifestazioni per i bambini e ragazzi.
Da qui si procede a dx. (evitando la salita diretta a S. Croce), sempre su mulattiera che alterna tratti boscati a tratti di macchia, con tracciato perlopiù orizzontale, superando una fonte ( loc. Cannè) 342 m. e infine uscendo dal castagneto e procedendo in salita su mulattiera, attraverso gli antichi pascoli sommitali, sino ad arrivare presso una vecchia teleferica a quota 438 m. Dove incrociamo la mulattiera comunale per Teriasca che prendiamo a dx.
Si scende ora su caratteristica mulattiera selciata, con alcuni tratti ripidi che richiedono attenzione, superando la cappelletta di S, Rocco, 350 m.per giungere in breve a Teriasca- chiesa 390 m., con un caratteristico passaggio tra le sue stradine interne.
Per cementata, poi mulattiera e nuovamente cementata, dapprima in piano e poi in discesa si raggiunge la cappelletta della Madonna della Guardia 250 m. da dove in breve in lieve salita alle case Cortino e all'evidente bivio a sn. che ci porta sul crinale ( cartello Vab 270 m.) .
Inizia ora un bellissimo tratto di crinale molto panoramico che alterna tratti un poco più ripidi a tratti meno pendenti, sino ad arrivare alle pendici del Monte Castellaro.

Si procede dapprima in salita poi in orizontale sino a raggiungere un casotto rurarale ( Castellà 520 m.); da qui si procede lungo un single track molto bello che richiede un pò di attenzione; Non fatevi distrarre dalla bellezza del tratto attraversato!

Attraversiamo brevi tratti boscati che si alternano a tratti più aperti, con brevi saliscendi e tratti in discesa tecnici e stretti, superando due caratteristici guadi sino a giungere in discesa nel caratteristico borgo di Levà 381 m.
Nuovamente in discesa lungo una ripida e antica mulattiera, per attraversare poi tra fasce abbandonate e uliveti sino a giungere a Canepa dove, attraversata la strada principale, risaliamo per bella cementata che attraversa le case del borgo sino a giungere sulla piazza del paese ( rifornimento liquido e solido). 327 m.
Si percorre un brevissimo tratto su strada asfaltata, per iniziare uno dei tratti più belli del tracciato, risalendo lungo il crinale lungo una antica mulattiuera con superba panoramica sulla vallata del Golfo Paradiso.
Lungo la mulattiera in salita a tratti ripida, guadagniamo quota per arrivare Case Becco 727 m. sul crinale che divide la zona marittima dal primo entroterra.

Iniziamo ora una splendida e affascinante cavalcata di crinale che ha pochi eguali come panorama, superando il tetto massimo del percorso (M. Uccellato) 828m., per giungere con ampi e dolci saliscendi tra antichi pascoli sino ad un ampio slargo asfaltato (Bocchin di Possuolo 739 m(rifornimento) da dove a sn. prendiamo la traccia che fiancheggia il crinale sul lato ovest per giungere in discesa su sentiero mulattiera sino all'insellatura della Pussa da Colla 563 m.
Superiamo il Monte Castelletto sul suo lato ovest, per giungere nuovamente sul crinale tra le valli di Bogliasco e di Sori, col santuario di S. Croce innanzi a noi. Si giunge in breve all'incrocio dei Cramoiexi 457 m.da dove a sn. si attraversa una prima altura e poi per crinale si giunge alla sommità del Monte Santa Croce, 518 m. superba postazione panoramica.

Si continua in discesa lungo l'antica ed ampia mulattiera comunale che, tra tratti prativi e pinete, giunge nuovamente presso la loc. Costa 323 m. da dove si procede a dx. per mulattiera panoramica sino a superare un breve tratto asfaltato; quasi al termine si svolta a sn. per scendere una bella mulattiera scalinata che porta in loc Punte de Terrì 243 m. da dove a dx. una creuza ci riporta sulla comunale per S. Bernardo. ( incrocio via Consiglietto Via S. Bernardo 190 m.)

Da qui svoltando decisamente a sn. in pochi minuti, lungo una piccola asfaltata in discesa, si giunge finalmente sul piazzale di S. Michele.